Il Papa al Regina Coeli; “Ai responsabili non perdete il fiuto della gente che vuole la pace”

Roma, 8 mag. Circa 20mila fedeli hanno assistito in piazza San Pietro al messaggio di Papa Francesco per il Regina Caeli. La valutazione è della Gendarmeria vaticana. “Chi ascolta gli altri ascolta anche il Signore”. E ricorda la festa della mamma

“Il Vangelo della Liturgia di oggi ci parla del legame che c’è tra il Signore e ciascuno di noi”, Per farlo, Gesù utilizza “un’immagine tenera e bella”, quella del pastore che sta con le pecore. E la spiega con tre verbi: ascoltare, conoscere, seguire.

“Anzitutto le pecore ascoltano la voce del pastore. L’iniziativa viene sempre dal Signore; tutto parte dalla sua grazia: è Lui che ci chiama alla comunione con Lui. Ma questa comunione nasce se noi ci apriamo all’ascolto. Ascolto significa disponibilità, docilità, tempo dedicato al dialogo. Oggi siamo travolti dalle parole e dalla fretta di dover sempre dire e fare qualcosa. Spesso uno non aspetta che qualcuno finisca un pensiero, non c’è ascolto. Quanta fatica si fa ad ascoltarsi, fino alla fine, lasciare che l’altro si esprima! In famiglia, a scuola, al lavoro, persino nella Chiesa! Ma per il Signore anzitutto occorre ascoltare. Chiediamoci se siamo figli dell’ascolto, se troviamo tempo per la Parola di Dio, se diamo spazio e attenzione ai fratelli e alle sorelle. Chi ascolta gli altri ascolta anche il Signore, e viceversa.”.

Poi, Egli conosce le sue pecore. “Ma ciò non significa solo che sa molte cose su di noi: conoscere in senso biblico vuol dire amare Se lo ascoltiamo, scopriamo questo, che il Signore ci ama. Allora il rapporto con Lui non sarà più impersonale, freddo o di facciata. Gesù cerca una calda amicizia, una confidenza, un’intimità. Vuole donarci una conoscenza nuova e meravigliosa: quella di saperci sempre amati da Lui e quindi mai lasciati soli a noi stessi. Chiediamoci allora: io mi lascio conoscere dal Signore? Gli faccio spazio nella mia vita, gli porto quello che vivo? E, dopo tante volte in cui ho sperimentato la sua vicinanza, la sua compassione, la sua tenerezza, che idea ho di Lui?”.

Infine il terzo verbo, seguire. “Le pecore che ascoltano e si scoprono conosciute seguono il loro pastore. E chi segue Cristo, che cosa fa? Va dove va Lui, sulla stessa strada, nella stessa direzione. E io? Mi lascio solo amare da Gesù o passo dall’ amarlo, all’ imitarlo?”.

Alfredo Magnifico