Il Dissidio Cattolico

In distribuzione dal 30 maggio. Tutti gli ultimi pontefici, da Paolo VI in avanti, hanno dovuto subire critiche, talvolta molto dure, al loro operato. Mai tuttavia il «dissidio cattolico» verso il Papa ha raggiunto un livello di intensità paragonabile a quello che ha accompagnato il pontificato di Francesco. I malumori e le resistenze dei gruppi che non hanno mai accolto il Concilio Vaticano II, sedati

apparentemente sotto Giovanni Paolo ii e Benedetto xvi, sono esplosi con un’intensità nuova alimentata dal vento manicheo e apocalittico che spira in Occidente dopo la tragedia dell’11 settembre 2001. Nel nuovo millennio occidentalisti e sovranisti, neo conservatori e tradizionalisti, hanno fatto del Papa il capro espiatorio, il responsabile della crisi del cattolicesimo odierno, il relativista buonista dal cuore tenero che, in tempi di guerra, antepone la Misericordia alla Verità. Il volume, con la sua raccolta di articoli e di interviste dal 2013 in avanti, accompagna il lettore tra cronaca e storia. Consente di entrare nel vivo di una dialettica giocata senza esclusione di colpi. Richiama alla memoria personaggi ed eventi diversamente destinati all’oblio. La storia della Chiesa è un dramma e gli ultimi anni ne sono una eloquente conferma
Massimo Borghesi